Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 23 dicembre 2013

Recensione: 'Death Metal' di Tito Faraci

Salve ragazzi, oggi è il primo giorno effettivo di vacanza.. Che bellezza! Finalmente posso dedicarmi alla lettura e posso riposarmi un pò!
Per ora ora vi lascio questa recensione.


Titolo: Death Metal
Autore: Tito Faraci
Pagine: 292
Prezzo: € 15,50
Editore: Piemme Freeway

TramaImmaginate di essere in viaggio con i vostri amici su un fantastico furgoncino Westfalia che perde olio ed è scomodo da morire. State andando al concerto del secolo: i mitici Tiamat suonano a un festival death metal, in un paesino disperso nella campagna dell'Oltrepò pavese, e voi siete stati chiamati per fargli da spalla... Be', non esageriamo: Lorenzo, Stefano, Matteo, Barbara e Walter, ovvero gli Snake God Hunters, sono solo capitati in scaletta prima dei loro idoli, ma saliranno comunque sullo stesso palco ed è il giorno migliore della loro vita. Sono partiti all'alba dalla Puglia e non ne possono più di viaggiare, ma il problema non è questo. Il problema è che si sono persi nella nebbia, lungo un fiumiciattolo che nemmeno è segnato sulle mappe, e c'è un camionista impazzito che li incalza e fa di tutto per buttarli fuori strada. È a questo punto che tutto comincia ad andare storto...


Recensione:

E' difficile trovare un commento adatto a questo libro, davvero. Le prime cose che mi vengono in mente sono folle e psicopatico. Però devo ancora capire se questi aggettivi sono più rivolti al libro o a me che mi sono messa a leggerlo. Che poi, tra l'altro, la lettura è così scorrevole che me lo sono finito praticamente in un giorno (e voi vi chiederete: e allora perché non lo hai recensito prima? Semplice, perché prima non lo avevo iniziato causa mancanza di tempo!), quindi è un controsenso dover dare questa opinione così negativa a un libro così veloce.
Il punto è: il senso, per favore? Qual è il senso di questo libro?
C'è questo gruppo, okay. Ci sono i malati di mente che venerano il serpente, okay. Ci sono gli omicidi, okay. Ma perché? Cioè, ma a che pensava l'autore quando ha iniziato a scrivere?
Non voglio essere cattiva, davvero, sapete che cerco sempre di essere gentile. Però qui c'è qualcosa che non mi torna. Gente che muore e rivive, ragazzini posseduti da non si sa cosa.
Forse come sceneggiatura per un film horror potrebbe anche starci, ma come libro.. Non so, non mi ha proprio convinta, scusate.


23 commenti:

  1. Questo libro mi incuriosisce..ma dopo la tua recensione mi sorgono dei dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusy, non è detta che a te non potrebbe piacere!

      Elimina
  2. Uhm, non mi ispira particolarmente :|
    E poi... posso dire una cosa? La copertina sembra quella di un romanzo autopubblicato poco curato, non il risultato di un grafico di una casa editrice importante D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dire tutto quello che vuoi, ovviamente.
      Comunque in effetti anche la cover non è il massimo, ma magari all'autore piaceva. Chissà!

      Elimina
  3. :\ non so che dire... non mi ispirava particolarmente questo libro, ma non mi aspettavo un tale disastro xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, che devo dirti, a me proprio non è piaciuto!

      Elimina
  4. Ile, non ti devi proprio scusare. Se non ti è piaciuto non ti è piaciuto ;). A me sinceramente non ha mai ispirato e adesso capisco il perché...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me aveva incuriosito molto, ma me ne sono più che pentita.

      Elimina
  5. Tesoro oddio un completo disastro questo libro.. sinceramente prima non mi ispirava e ora nemmeno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno questa volta i tuoi gusti hanno fatto centro ahah

      Elimina
  6. Meno male che ho letto la tua recensione, se lo avessi visto in libreria lo avrei preso incuriosita dalla trama...Ma mi sa che lo prenderò in prestito dalla biblioteca, se mai ci arriverà.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sempre: non è detta che se a me non è piaciuto, non piacerà anche a te; quindi non proibirti di acquistarlo se ti ispira!

      Elimina
  7. Mmm ho lasciato ieri sera una lista di libri che mi piacerebbe ricevere in regalo dimenticandomi di inserire questo. Le cose non succedono per caso allora xD

    RispondiElimina
  8. Ciao Ilenia! Ti ho taggata in un post! http://allascopertadilibri.blogspot.it/2013/12/tag-naughty-or-nice.html

    Per quanto riguarda il libro che hai recensito, non lo conoscevo ma letta la tua recensione non so se lo leggerò mai. Insomma, è brutto quando non si riesce a capire "dove voglia andare a parare" l'autore con una sua storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo!
      Comunque sì, hai pianamente ragione.

      Elimina
  9. Prima di leggere la tua recensione volevo leggerlo, ma ho appena cambiato idea XD

    RispondiElimina
  10. Volevo scrivere una storia avvincente, innanzitutto. Che tenesse il lettore incollato alle pagine.
    E il fatto che tu abbia letto Death Metal in un giorno, a conti fatti, mi conforta.

    TF

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Tito, grazie per aver risposto alla mia recensione! Mi fa piacere leggere ciò che ha da dire.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Una storia deve bastare a se stessa. Vivere di sue regole interne. Cercare necessariamente un senso… non ha senso.
    Lo hai letto in meno di un giorno? Ti ha avvinto? Se è così, Death Metal ha funzionato. E la tua recensione, per molti versi, si contraddice.
    Poi si può anche dire (e qualcuno lo ha detto) che Death Metal rifletta temi come lo scarto tra violenza e rappresentazione della violenza, quel del gruppo-tribù nell'età adolescenziale o quello della diversità. Ma è secondario.

    Grazie comunque dell'attenzione e buon anno.

    Tito Faraci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho già detto nella recensione, il controsenso che ho segnato è quello che mi ha portato a recensire così negativamente (aspetto negativo) un libro che è stato scritto con un lessico scorrevole (aspetto positivo). Ma, come può vedere, nella recensione sono stata io stessa ad ammettere questa contraddizione, che però è stata di livello propriamente stilistico/linguistico e non a livello di storia.
      Personalmente credo che un libro, un racconto, una storia debbano avere un senso; poi che esso sia celato o evidente, mi è indifferente. Quando leggo un libro e ne trovo il senso -nascosto o meno- mi sento realizzata dalla lettura. In questo caso purtroppo io non sono riuscita a dare un verso alla trama e non vi ho trovato un tema principale come filo d'insieme.
      Poi, ovviamente, la mia è solo una recensione tra tante e dubito che tutti la pensino come me. Io stessa ho regalato una copia questo libro, fiduciosa del fatto che qualcuno sicuramente ne avrà un'impressione migliore che mi aiuterà a capirlo di più.
      Trovo che se si scrive qualcosa, si deve avere la mente pronta a commenti sia positivi che negativi, perché per ogni libro se ne trovano di entrambi i libri.
      Personalmente questo libro non mi ha fatto impazzire, a molti altri è piaciuto. Sono la prima a consigliarne la lettura in quanto sono del parere che non ci si basi su una recensione soltanto per escludere il volume dalla propria libreria.

      La ringrazio del commento e le auguro un felice anno.

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)