Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna che rimarrà per sempre nel mio cuore - e che mi manca da morire da quando non c'è più- e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

martedì 7 luglio 2015

Recensione: 'Evelyn' di Jane Austen

Buongiorno lettori! Avete notato che questa settimana ho letto un sacco di libri? Sto cercando di darmi da fare per provare a completare la Summer Reading Challenge prima di metà luglio, perché poi arriverà il mio ragazzo e finalmente staremo un po' insieme!
Oggi vi lascio la recensione di un classico rispolverato da questa neo casa editrice di cui, sono sincera, non avevo mai sentito parlare prima (riferito al libro), ma che mi ha attratta inspiegabilmente. 

Titolo: Evelyn
Autore: Jane Austen
Pagine: 77
Prezzo: € 7,90
Editore: Rogas Edizioni

TramaSe si pensa a un virtuoso gentiluomo inglese settecentesco, composto, retto, onesto e impavido, una cosa è certa: non si pensa a Frederick Gower, irresistibile protagonista di Evelyn, racconto di straordinaria ironia nato dalla penna di una giovanissima Jane Austen. L’uomo, giunto per caso in uno dei villaggi più belli d’Inghilterra, Evelyn, abitato da famiglie di squisita gentilezza, dopo essersi invaghito della locandiera, riuscirà a ricevere denari, amore e proprietà grazie a un misto di sconcertante disinvoltura e inattaccabile cinismo. Un crescendo comico-grottesco che rompe, come sempre con Jane Austen, qualunque stereotipo della letteratura del ‘700.

Recensione:

Questo breve racconto scritto dalla famosissima Jane Austen è totalmente incentrato su un uomo che, cercando soluzione ai problemi della sorella, si imbatte in Evelyn, una cittadina assolutamente fuori dall'ordinario, in cui gli abitanti sono così generosi da donare ogni cosa al protagonista.
Mr. Gower non è il classico uomo impavido o sicuro di sé che viene sempre nominato nei romanzi di questo periodo settecentesco, ma è un uomo guidato dalla voglia di avere e di essere sereno con facilità. Egli si dimostrerà, inoltre, un uomo timoroso e ricco di risentimento.
La breve storia scorre con una narrazione lineare e spedita che, devo dire, mi ha sorpresa, visto che solitamente coi classici ho qualche difficoltà. 
La particolarità di questo racconto sta nel fatto che non possiede un vero e proprio finale. L'autrice, infatti, ha interrotto la narrazione volontariamente alla ventunesima pagina, lasciando che fosse il nipote James Edward a continuarla. La sua è una conclusione fatalista che, devo dire, mi è abbastanza piaciuta. Un'altra opzione ci viene fornita da un secondo finale steso dalla nipote di Austen che ha dato il via a un altro tipo di narrazione, anche se sempre abbastanza fatalista. Insomma, i suoi nipoti non avevano molta gioia di vivere ahahah
Scherzi a parte, consiglio questa lettura sia a chi è un grande appassionato dell'autrice o del genere classico, sia a chi come me non ha un rapporto molto serrato con questo tipo di romanzi. Lo consiglio perché 'Evelyn' è una lettura piacevole e molto breve, che si lascia leggere in un battito di ciglia.

18 commenti:

  1. Qualsiasi cosa porti la firma della Austen è da leggere :D Mi ispira, devo recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io non ho letto le sue opere maggiori!

      Elimina
  2. Neppure io conoscevo la CE, e nemmeno il romanzo!! Grazie per la scoperta *_* Sicuramente lo leggerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La CE è abbastanza nuova ed è stata lei a rispolverare questo racconto!

      Elimina
  3. Non ci credo di non aver mai letto questo libro della Austen, devo rimediare immediatamente! Grazie per avermelo fatto conoscere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un racconto breve, ma piacevole! Son contenta di averti incuriosita!

      Elimina
  4. Wow. Dov'era questo gioiello?!?!? Lo voglio! Assolutamente!!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah non ti resta che prenderlo allora!!
      La cosa carina è che è sia in italiano che inglese, per tutti gli appassionati insomma!

      Elimina
  5. Non conoscevo questo libro della Austen!!! Bella recensione, complimenti! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lo abbia tradotto solo questa casa editrice!

      Elimina
  6. Ho capito, devo subito recuperarlo!!! :D

    RispondiElimina
  7. Beh, è consolante sapere di non essere l'unica a non conoscere questo racconto di Austen. Rimedierò. Guarda tutti i suoi romanzi si fanno amare dalla prima pagina. Personalmente io ti consiglierei di iniziare da "Emma": se dovessi descriverlo con un aggettivo direi "brillante", "spumeggiante".

    RispondiElimina
  8. Bella la tua breve recensione Ilenia ..... io amo molto la Austen e nonostante abbia questo racconto (credo in versione E-Book ed anche in una raccolta di sue opere) ho letto i libri ma mai questo racconto.
    Peccato che i nipoti vivano entrambi una vita che evidentemente non li soddisfa visto che non trovano in essa (come molte persone moderne) la vera gioia di vivere!
    Devo riuscire a leggerlo, Un saluto e buona continuazione di settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece mi sono approcciata a lei proprio con questo racconto perché era molto breve e volevo vedere come mi trovavo!
      Buona settimana

      Elimina
  9. Sai che non conoscevo questo libro della Austen? Me lo segno, perché prima o, poi devo recuperarlo.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che questo racconto sia stato tradotto solo da questa casa editrice!

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)