martedì 14 marzo 2017

Recensione: 'Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto' di Kirsty Moseley

Buongiorno lettori! Oggi vi parlo di un libro che ha per me un valore curioso. Ricordo di averlo visto in giro per mesi e di aver letto tantissime recensioni negative e ricordo che mia mamma voleva scambiare un suo vecchio libro e che l'unico disponibile era proprio questo. Ero scettica, ma alla fine le ho detto 'Ma si, prendilo, al massimo non ci piacerà. E poi sono curiosa!'. Il libro è rimasto per anni nascosto dietro altri volumi, su uno dei tanti scaffali della mia libreria e lo ho tirato fuori perché era l'unico libro che potevo inserire nelle categorie delle due challenge a cui sto partecipando. Ebbene, ora lo ammetto: sono stata una stupida a titubare così tanto!

Titolo: Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto
Autore: Kirsty Moeseley
Pagine: 347
Prezzo: € 9,90
Editore: Newton Compton Editori
Traduzione: Francesca Noto e Rosa Prencipe

TramaAmber Walker e suo fratello maggiore, Jake, hanno un padre violento. Una notte Liam, il migliore amico di Jake, la vede piangere, si arrampica attraverso la finestra della sua camera da letto ed entra per consolarla. Dopo quella prima sera il rapporto tra Amber e Liam cambia: pian piano l'innocenza e l'amicizia lasciano il posto all'attesa, ai malintesi e alle scintille. Liam passa da una ragazza all'altra, mentre Amber - ancora emotivamente segnata dagli abusi subiti per mano di suo padre - preferisce concentrarsi sulla scuola, la danza e le amiche. Ma tra loro due la passione cresce in fretta e anche se il loro rapporto è da sempre basato sull'amicizia, quando Amber inizia a guardare il suo migliore amico sotto un'altra prospettiva saranno fuochi d'artificio! E come reagirà Jake, da sempre iper-protettivo nei suoi confronti, quando scoprirà che la relazione tra i due sta diventando qualcos'altro?


Recensione:

Da questo libro mi aspettavo tutto, tranne che mi sarebbe piaciuto per davvero; e invece eccomi qui, a parlarvene positivamente. Direi di iniziare subito dal fatto che questo libro ha alla base un tema davvero sconvolgente, che fa raccapricciare il lettore. Come può un padre, un marito, un uomo maltrattare la sua famiglia, picchiare i propri figli e tentare di stuprare la figlia di poco più di dieci anni? Si tratta di una tematica scottante e scioccante, che però viene trattata in un modo particolare. Nel corso della storia, infatti, non si sente sempre la paura e, per quanto la tensione non abbandoni mai la protagonista Amber e suo fratello Jake, mi è piaciuto che l'autrice abbia deciso di dimostrare al mondo che si può parlare di certe cose anche senza creare un'atmosfera estremamente pesante. Il libro, infatti, nonostante questa base oscura, scorre che è una meraviglia, soffermandosi sopratutto sulla sfera emotiva di Amber e sulla sua situazione sentimentale, oltre che al suo rapporto problematico con gli uomini e il contatto corporeo in generale.
E' stato allo stesso tempo strano ed appagante scoprire la storia di Amber e Liam, sopratutto perché all'inizio non riuscivo a dare un senso preciso al fatto che Liam dormisse tutte le notti con Amber semplicemente per non farle avere gli incubi. Andando avanti ha iniziato a sembrarmi una cosa davvero dolce e devo dire che Liam è un personaggio molto tenero che mi è piaciuto fin da subito. 
Anche Jake mi è piaciuto molto ed ho apprezzato tantissimo il suo essere protettivo verso la sorellina, anche se mi sarebbe piaciuto vedere un po' più di sentimento verso di lui da parte di quest'ultima.
Questo libro è un insieme di dolcezza, fasi serene e altre talmente sconvolgenti da lasciare col fiato sospeso fino a che non viene trovata una soluzione. Trovo, però, che il colpo di scena legato al rapporto sessuale tra i due protagonisti sia stato un po' eccessivo, sopratutto per il modo in cui si è concluso e per il modo in cui è stato affrontato, in modo quasi apatico. Ho capito, però, che l'autrice doveva pur trovare un modo per convincere Amber a trovare il coraggio di fare ciò che ha fatto alla fine del libro e, nonostante tutto, non riesco a non dire che questo libro mi sia piaciuto.

12 commenti:

  1. A me non era piaciuto proprio perchè pensavo che trattasse con troppa superficialità determinati argomenti però il tuo è un punto di vista interessante, infatti non per tutti questo ha un'accezione negativa.
    È sempre bello confrontarsi con opinioni diverse e aprire la mente a nuovi sguardi.
    Mi piacerebbe rileggerlo in quest'ottica positiva per vedere se il mio giudizio possa in qualche modo variare! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento, mi ha fatta davvero sorridere! Non tutti sono disposti a considerare in questo modo così positivo i commenti degli altri, sopratutto se sono opposti ai propri!

      Elimina
  2. Anche a me non è piaciuto molto per la superficialità, oltre ad alcune cose assurde..tipo un ragazzo che per anni dorme insieme ( i genitori mai accorti..)alla figlioletta, una mattina si svegliano e toh qualcosa è cambiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sul fatto che il ragazzo dormisse per anni in quella stanza e che tutto a un tratto sboccia l'amore, ho sorvolato un po'. Ho letto così tanti libri con alla base idee assurde, che questa in realtà non mi è dispiaciuta! :)

      Elimina
  3. Come sai l'ho bocciato, per me era troppo trash, però mi fa piacere vedere che a te sia piaciuto, i libri devono essere amati, serve solo il lettore giusto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non mi ricordavo che l'avessi l'etto, ma shhhh, non diciamolo a nessumo ahahahahahha

      Elimina
  4. come sai son o una delle detrattrici del libro :D e mi aveva fatto molto ridere il tuo post in merito su facebook. ma guarda io sono felice che tu lo abbia apprezzato, ognuno di noi è libero di amare o meno un romanzo. il bello è proprio confrontarsi e discuterne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahaha quel post mi è uscito dal cuore!

      Elimina
  5. Ciao, sinceramente è un romanzo che, quando ho visto per la prima volta in libreria, non mi ha ispirato, però forse non è così male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo nella prefazione al post, anche io quando lo ho visto la prima volta non mi sono lasciata attirare. E' capitato nelle mie mani quasi per caso, però alla fine sono contenta di averlo letto!

      Elimina
  6. Di questo libro non ne avevo sentito parlare molto bene, ma, leggendone la tua opinione, credo proprio che gli darò una possibilità.
    Ottima recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eleonora, sono davvero felice di averti fatto venire voglia di leggerlo!

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)